Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Displaying items by tag: consiglio comunale

Solo la settimana scorsa scrivevamo sulle righe di questo giornale di possibili aperture dell’attuale esecutivo per un prosieguo di mandato maggiormente orientato alla condivisione e alla trasversalità nelle decisioni con particolare riguardo a quelle di maggior rilievo per l’interesse della città. Avevamo infatti appreso con favore il cambio di passo della Fondazione Guelpa, almeno nelle parole del Presidente, e la marcia indietro sulla possibile ubicazione di un nuovo centro cottura troppo frettolosamente individuata in una grande area verde proprio all’ingresso del Parco dei 5 Laghi. Consapevoli però dell’improvvisazione spesso messa in campo dall’Amministrazione scrivevamo anche che i prossimi mesi sarebbe stati fondamentali per capire se le parole e le enunciazioni di principio si sarebbero trasformate in atti concreti. E’ bastato molto meno per capire che si è trattato, purtroppo, di un’interpretazione troppo ottimistica di un nuovo corso possibile alla luce di alcune scelte, quanto meno discutibili, intraprese da giunta e maggioranza negli ultimi giorni.

Published in articoli

Giovedi 12 luglio si è svolto il primo Consiglio Comunale che ha visto l’insediamento della nuova Amministrazione formatasi in seguito al voto del 10 giugno e del successivo ballottaggio del 24. Si è trattato di un passaggio formale fatto più che altro di atti istituzionali come la comunicazione della composizione della giunta e il giuramento del Sindaco.
Il passaggio più significativo dal punto di vista politico è stato certamente l’elezione del Presidente del Consiglio che, su proposta della maggioranza, è diventato il rappresentante di Forza Italia Diego Borla. Nulla da obiettare sull’amico e collega consigliere, ma nell’intervento in aula abbiamo evidenziato la nostra disapprovazione riguardo il processo di individuazione di tale ruolo istituzionale che ricordiamo essere una figura di garanzia, quindi trasversale, che dovrebbe garantire il buon funzionamento del Consiglio Comunale e i diritti stabiliti dalla legge a tutti i consiglieri, indipendentemente dalla loro appartenenza a gruppi di maggioranza o di minoranza. Proprio a questo proposito abbiamo evidenziato che fino a qualche decennio fa, tale importante ruolo, anche a livelli istituzionali più alti come la Camera e il Senato, tanto per fare un paio di esempi, in nome di un certo fair play istituzionale oggi abbandonato, veniva assegnato ad un componente di una forza di minoranza. Da qualche decennio ciò non accade più e si tratta di una di quelle abitudini da “prima Repubblica” che forse sarebbe stato meglio non “rottamare” con troppa superficiale fretta.

Published in articoli

Lunedì 15 ottobre si è svolto un Consiglio Comunale fiume, il quarto della nuova Amministrazione, che ci ha tenuti impegnati dalle 18 a fin dopo la mezzanotte. Se da una parte la stanchezza si è fatta sentire dall’altra vuol dire che gli argomenti trattati sono stati interessanti e il dibattito approfondito. Al di là delle solite posizioni aprioristiche e ideologiche di qualcuno non abituato, quando era al potere, a discutere fattivamente dei problemi della città e dei cittadini, una differenza evidente con il quinquennio precedente è che il Consiglio Comunale è tornato ad essere il fulcro della vita politica cittadina e le commissioni consiliari, compresa la Conferenza dei capigruppo, lavorano in maniera propositiva nell’interesse della città.
Fin qui crediamo nessuno possa sostenere il contrario perché si tratta di un dato oggettivo. Noi di ViviamoIvrea diciamo da sempre, e per questo siamo stati più volte attaccati dai nostalgici della partitocrazia e dei privilegi di sistema, che per amministrare una città, soprattutto se piccola come la nostra, non servono certo bandiere o dogmi ideologici, ma pragmatismo, buona volontà, capacità di ascolto e di discussione e una buona dose di sano realismo.

Published in articoli

Archiviato il singolare Consiglio Comunale della scorsa settimana fatto di sole interpellanze, mozioni, ordini del giorno, e quindi senza delibere, il 27 novembre, si terrà una nuova seduta del parlamentino eporediese.
All’ordine del giorno ci saranno l’approvazione di un regolamento e la settima variazione di bilancio dell’anno. Per quanto riguarda quest’ultima ovviamente aspettiamo il dibattito in aula, ma leggendo le cifre e le voci di spesa proposte dall’esecutivo ci sembra si tratti di una variazione che va nella direzione da molti auspicata in campagna elettorale e cioè quella di dare priorità agli interventi di manutenzione del patrimonio immobiliare pubblico tentando di rispondere alle molteplici richieste dei diversi uffici reiterate nel tempo e rimaste spesso senza una risposta.

Published in articoli

Martedì scorso si è svolto un Consiglio Comunale nel quale oltre a una variazione di bilancio sono stati affrontati alcuni temi di rilievo grazie, soprattutto, agli spunti forniti da alcune interpellanze, mozioni e ordini del giorno.
Dal dibattito è emerso sempre più chiaramente ciò che, come lista civica, andiamo sostenendo da tempo e cioè che gli attuali partiti, indipendentemente dal colore politico, non riescono a mettere da parte le ideologie e le prese di posizione aprioristiche. Ogni qualvolta si presenta l’occasione ecco ergersi un muro contro muro tra quelle che oggi sono fazioni opposte a livello centrale correndo il rischio che l’interesse della città possa venir messo da parte in nome di posizionamenti esclusivamente basati su questioni nazionali.

Published in articoli

Dopo il doppio Consiglio Comunale del 25 e del 27 novembre volevamo proporre qualche riflessione sul ruolo di questo organismo fondamentale nel processo democratico locale.
Partiamo dalla definizione che l’art.42 comma 1 del testo unico sugli Enti Locali gli conferisce e cioè: “il Consiglio Comunale è l’organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo”.
Si tratta di una definizione chiara e inequivocabile e quindi proviamo a fare un esercizio mentale di comparazione tra le attribuzioni conferite dalla legge e l’attività del parlamentino eporediese vissuta in questi primi mesi di mandato.

Published in articoli

Ricevi la newsletter

Viviamo Ivrea autofinanzia totalmente le proprie iniziative
Puoi contribuire in contanti alle riunioni,
oppure effettuando un bonifico
sul c.c. intestato all’Associazione ViviamoIvrea
Banca Popolare Etica:
IBAN: IT44 W035 9901 8990 5018 8523 405
o in alternativa puoi utilizzare PayPal, cliccando sul link qui sotto.

paypall