Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Displaying items by tag: salute

La politica dovrebbe essere soprattutto ascolto e risoluzione dei problemi in nome del bene comune. Siamo invece, purtroppo, abituati a vedere e a pensare alla politica come a una continua lotta tra fazioni o categorie sociali: destra vs sinistra, partiti vs movimenti, ricchi vs poveri, indigeni vs stranieri e così discorrendo. Come se non potessero esistere iniziative da portate avanti insieme da maggioranza e minoranza semplicemente ragionando nell'interesse della comunità e della collettività.

Published in articoli

La politica dovrebbe, a nostro modo di vedere, saper individuare, ascoltare, recepire, analizzare le problematiche che segnano la nostra quotidianità per poi affrontarle, soprattutto in alcuni casi, con determinazione e risolutezza.
Servirebbe anche avere ben chiara in testa una scala di priorità perché se l’erba alta in un’aiuola può aspettare una settimana prima di venire tagliata un vetro rotto in una scuola andrebbe sostituito il prima possibile, soprattutto d’inverno.
Chi si occupa di amministrazione pubblica sa quanto sia difficile individuare scale di priorità perché ci sarebbe bisogno di soddisfare molteplici necessità, parecchie delle quali diventate impellenti a causa della scarsa attenzione riservata loro in passato da una politica a dir poco disattenta.

Published in articoli

Nell’assembla dei comuni del Consorzio socio-assistenziale IN.RE.TE. di giovedì scorso il Sindaco di Ivrea, nonostante l’ormai famosa bocciatura della mozione sul tema migranti, ha votato a favore del rinnovo del Protocollo con la Prefettura. Procedura innovativa, quest’ultima, che poggia su quel sistema di accoglienza diffusa che aiuta a superare eccessive concentrazioni di persone in un singolo Comune. Fortunatamente ha prevalso il buon senso e se l’obiettivo di tutti era quello del rinnovo ora si può e si deve guardare avanti per affrontare i problemi reali che attanagliano la città perché, torniamo a ribadirlo con forza, quello dei migranti e dell’accoglienza a Ivrea e nel territorio non è un problema. Come abbiamo già scritto anche la scorsa settimana servirebbe oggi un periodo di transizione capace di andare oltre le ideologie tipiche di partiti che spesso confondono i diversi livelli di governance. Per amministrare bene una città non serve subire imposizioni dall’alto da parte di partiti nazionali impegnati su tematiche generali, a volte addirittura globali, che nulla hanno a che vedere con i bisogni quotidiani dei residenti. Un ente locale ha problematiche diverse da quelle relative allo Stato centrale ed anche i processi di analisi, elaborazione, soluzione dei problemi si dovrebbero muovere all’interno di un perimetro circoscritto e dinamico all’interno del quale i condizionamenti superiori non dovrebbero esistere indipendentemente dal far parte della maggioranza o della minoranza.

Published in articoli

La settimana scorsa facevamo notare una certa calma da parte dell’esecutivo nell’attuare due mozioni approvate all’unanimità dal Consiglio Comunale non avendo ancora ricevuto notizia, alla data di redazione dell’articolo, della convocazione delle riunioni richieste. Probabilmente Sindaco e Giunta le stavano pianificando e questa settimana entrambe sono state definite. Andando con ordine il tavolo allargato per la pista ciclabile di corso M.D’Azeglio è stato delegato alla Commissione consiliare Assetto del Territorio, che si occupa anche di viabilità e ambiente, mentre la riunione sull’impiantistica sportiva è stata convocata lunedi e si è svolta giovedì 4 ottobre in Municipio.
Alla riunione, dalla parte degli amministratori, hanno partecipato il Sindaco, con delega allo sport, la vice Sindaca, la Consigliera Girelli, in qualità di Presidente della Commissione Sport e il sottoscritto invitato come proponente della mozione e componente della stessa commissione.

Published in articoli

Sabato tredici ottobre si è svolta la nona edizione del Morenic Trail, una corsa che si snoda lungo la cresta dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea per 119 km con partenza da Andrate e arrivo a Brosso con un dislivello totale positivo di 2540 metri.
Al di là della valenza sportiva di questa competizione, ormai diventata internazionale e conosciuta in tutto il mondo, è interessante fare qualche considerazione sulle potenzialità, materiali e immateriali, che eventi come questo potrebbero esprimere sul territorio nel quale viviamo. A fare da contraltare ci sono però una serie di criticità, più che altro legate ad anacronistiche abitudini e sterili campanilismi, che in un prossimo futuro bisognerà affrontare con decisione e coraggio.
Un territorio fortemente segnato dal ridimensionamento industriale causato dalla fine della Olivetti e che fatica a ritrovare una sua identità capace di andare oltre, metaforicamente parlando, alla macchina da scrivere che tanto ha voluto dire per le generazioni che ci hanno preceduto.

Published in articoli

Archiviato il singolare Consiglio Comunale della scorsa settimana fatto di sole interpellanze, mozioni, ordini del giorno, e quindi senza delibere, il 27 novembre, si terrà una nuova seduta del parlamentino eporediese.
All’ordine del giorno ci saranno l’approvazione di un regolamento e la settima variazione di bilancio dell’anno. Per quanto riguarda quest’ultima ovviamente aspettiamo il dibattito in aula, ma leggendo le cifre e le voci di spesa proposte dall’esecutivo ci sembra si tratti di una variazione che va nella direzione da molti auspicata in campagna elettorale e cioè quella di dare priorità agli interventi di manutenzione del patrimonio immobiliare pubblico tentando di rispondere alle molteplici richieste dei diversi uffici reiterate nel tempo e rimaste spesso senza una risposta.

Published in articoli

Anche grazie a una nostra mozione, approvata all’unanimità nel Consiglio Comunale del 27 novembre scorso, che metteva in luce alcune delle tante criticità esistenti nella sanità pubblica si sono accesi finalmente i riflettori, a livello locale, su un tema, quello della salute, che riguarda tutti noi e che rappresenta uno dei maggiori costi della spesa pubblica italiana. Costi a volte inutili, spesso abnormi e ingiustificati, per i quali servirebbe un profondo processo di revisione e di riorganizzazione dell’intero sistema e di “pulizia” da evidenti storture, spesso al limite della legalità, come ad esempio la disparità di costo del prezzo dei farmaci. Su questo tema, nel quasi totale silenzio dei media, il 10 dicembre scorso, il Ministero della Salute ha pubblicato il Documento di programmazione della nuova governance farmaceutica che dovrebbe portare ad un radicale aggiornamento del Prontuario dei farmaci le cui ultime modifiche, grazie alla forte resistenza delle case farmaceutiche, risalgono a ben 13 anni fa.

Published in articoli

Ricevi la newsletter

Viviamo Ivrea autofinanzia totalmente le proprie iniziative
Puoi contribuire in contanti alle riunioni,
oppure effettuando un bonifico
sul c.c. intestato all’Associazione ViviamoIvrea
Banca Popolare Etica:
IBAN: IT44 W035 9901 8990 5018 8523 405
o in alternativa puoi utilizzare PayPal, cliccando sul link qui sotto.

paypall