Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Mercoledì, 15 Febbraio 2023 18:11

La Politica dei cittadini: 10 anni di battaglie al servizio della comunità

Written by

Sono passati 10 anni da quando un gruppo di cittadini scontenti della situazione politica - in generale, ma con uno sguardo specifico all’amministrazione locale - ha dato vita a un gruppo di ispirazione civica che ha preso il nome di Viviamo Ivrea.
 Il nostro malcontento nasceva soprattutto dal fatto che i partiti politici, strutturati a livello nazionale, invece di ascoltare i cittadini ed elaborare in maniera trasparente e partecipata politiche pubbliche incentrate sul Bene Comune, si erano nel tempo trasformati in meri comitati elettorali in cui le decisioni venivano prese nelle segreterie.


Dopo una lunga serie di incontri con persone provenienti dalla società civile e riscontrando una condivisione di intenti che andava oltre la dicotomia destra/sinistra, si è così deciso di dare vita a una lista civica per presentarsi alle elezioni amministrative del 2013. Viviamo Ivrea riuscì a prendere già abbastanza voti da portare un proprio rappresentante in Consiglio Comunale. Chi segue le vicende politiche della città ricorderà che l’Amministrazione dal 2013 al 2018 è stata appannaggio del Partito Democratico, con il Sindaco Carlo Della Pepa al suo secondo mandato. Sono stati per noi 5 anni molto intensi durante i quali abbiamo imparato a conoscere il funzionamento della macchina pubblica. Fin da subito ci siamo posti come una forza di minoranza: non di “opposizione” a prescindere, ma valutando di volta in volta i provvedimenti portati in discussione e votazione dall’esecutivo, perseguendo quello che per noi è l'unica cosa fondamentale: l'interesse della collettività.
 Ciò che ci colpiva di quella amministrazione era l’incapacità o la mancanza di volontà di condividere - con la minoranza e con la cittadinanza - il dibattito sui temi di maggior rilevanza. Il nostro pensiero è sempre stato quello che quando si tratta di fare delle scelte che toccano i valori e l’etica non dovrebbero esistere, almeno a livello locale, posizioni ideologiche provenienti dall’alto: un rischio questo che nel caso di una forza civica, come la nostra, non esiste.
 Le nostre molteplici battaglie in quegli anni sono state sempre basate sull’analisi e la conoscenza dei temi trattati e hanno fatto sì che acquisissimo un bagaglio di esperienze che ha fatto crescere la nostra cultura politica, facendoci capire che un modo diverso di amministrare è possibile. Allora, così come ora.


Forti di questo percorso e avendo acquisito una certa autorevolezza e credibilità all’interno del panorama politico cittadino, nel 2018 abbiamo nuovamente partecipato alle elezioni, questa volta in coalizione con altri due gruppi politici cittadini. Abbiamo ottenuto un consenso fino a pochi anni prima impensabile, certificato dai quasi 2.000 elettori che si riconoscevano nelle nostre idee e proposte: il 18% dell'elettorato ha votato per noi. Abbiamo sempre fatto proposte finalizzate al futuro: ma sempre partendo dall'analisi del passato, almeno da quello più recente.
 Ma le elezioni di 5 anni fa sono state vinte da una coalizione di centro destra e con a capo un Sindaco che si dichiarava (e lo fa ancora oggi) più di sinistra che di destra, dal punto di vista degli ideali. Come era stato previsto fin da subito dagli osservatori più attenti, l'Amministrazione - che sta ora completando il proprio mandato - si è dimostrata fin da subito un gruppo eterogeneo e senza alcuna esperienza, che non ha certo vinto per i propri meriti, ma grazie ai demeriti dell’avversario diretto, che negli ultimi cinque anni aveva scontentato un po’ tutti. Nei mesi che ci separano dalle elezioni avremo modo di valutare nel dettaglio l’operato dell’Amministrazione uscente che lascia sul campo molte più incertezze di quella precedente.
 Con le elezioni del 2018, con il 18% di voti ottenuti, secondo un metodo di calcolo purtroppo poco rappresentativo, abbiamo portato in Consiglio Comunale un solo rappresentante. Questo nonostante avessimo ricevuto oltre il doppio dei voti della tornata elettorale precedente. Tuttavia, nell’ultimo quinquennio qualcosa di diverso c'è stato. La collaborazione con gli altri colleghi di minoranza è stata più marcata e proficua: abbiamo condiviso con loro una visione politica basata su valori e principi condivisi, ma soprattutto incentrata su nuove modalità di discussione.


Quest'esperienza ci ha quindi portato a iniziare un percorso di confronto comune per presentarci insieme alle elezioni amministrative che si terranno nella prima metà del 2023. Ci siamo a lungo confrontati sui contenuti e sugli elementi che avrebbero potuto risultare divisivi, proseguendo quel metodo di discussione alla pari già utilizzato nel corso di tutto il mandato.
 Chiusa positivamente questa fase di approfondimento, abbiamo deciso di creare una coalizione progressista e riformista con il Partito Democratico e Laboratorio Civico Ivrea, e che il metodo più democratico per individuare il candidato Sindaco di questa coalizione fosse un passaggio dai nostri potenziali elettori tramite delle primarie di coalizione.
 È così che domenica 26 febbraio dalle 8,30 alle 19,30 nei seggi di Sala S.Marta (in centro) e nei quartieri di Bellavista e S. Giovanni (presso i rispettivi centri civici) i cittadini eporediesi potranno manifestare la loro preferenza per il futuro candidato Sindaco della coalizione.

I tre candidati saranno l’autore di questo articolo, Francesco Comotto per Viviamo Ivrea, Matteo Chiantore per il Partito Democratico e Enrico Giacopelli per Laboratorio Civico.


I tre candidati individuati dai rispettivi gruppi hanno caratteristiche personali ed esperienze molto diverse anche se il compito di chiunque verrà scelto dagli elettori sarà quello di garantire l’attuazione del programma di coalizione condiviso.
È la prima volta che il candidato Sindaco di una coalizione viene individuato attraverso le primarie e noi crediamo, al di là del risultato finale, che questo sia un evento epocale per la politica cittadina e che potrà diventare un esempio da seguire anche in futuro, rendendo protagonisti i cittadini/elettori che potranno scegliere senza doversi vedere "imposto" un candidato dalle segreterie di partito.
Il nostro auspicio è che i cittadini e le cittadine, sempre più distanti da una classe politica che non li rappresenta, colgano l’occasione per diventare parte integrante di quel cambiamento che Viviamo Ivrea persegue fin dalla sua nascita partecipando numerosi a questo appuntamento e indirizzando con il loro voto le sorti della città futura.


La mia candidatura per la lista civica Viviamo Ivrea nasce dalla necessità di possedere, a nostro modo di vedere, un bagaglio di esperienza e di coerenza che il mio passato - 10 anni come Sindaco e 10 anni come Consigliere Comunale - è lì a testimoniare. Più che le parole io credo che siano gli atti e i fatti compiuti durante una ventennale attività di amministratore pubblico a parlare di me. Ivrea è una città dalle grandi potenzialità e credo fortemente che ci siano tutte le caratteristiche per poter mettere in atto le azioni necessarie a fare un salto di qualità nel modo di fare politica, più vicino alle persone, facendo rinascere una città sofferente, che deve ritrovare la capacità di guardare al futuro, ponendo le condizioni per trattenere qui le sue forze migliori e ritornare ad essere un punto di riferimento per il territorio.

Read 774 times
Francesco Comotto

Consigliere Comunale a Ivrea dal 2013.

Articoli correlati

Ricevi la newsletter

spiega le ali

Approfondimenti

Maggio 2023 approfondimenti

Trasparenza elettorale

Qui di seguito i link ai pdf dei casellari giudiziari e i curriculum vitae dei candidati della lista Viviamo Ivrea per le elezioni amministrative che si terranno a Ivrea il 14 e 15 maggio 2023.

Viviamo Ivrea autofinanzia totalmente le proprie iniziative
Puoi contribuire in contanti alle riunioni,
oppure effettuando un bonifico
sul c.c. intestato all’Associazione ViviamoIvrea
Banca Popolare Etica:
IBAN: IT44 W035 9901 8990 5018 8523 405
o in alternativa puoi utilizzare PayPal, cliccando sul link qui sotto.

paypall

In Comune