Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *

Mentre l’attività dell’attuale Amministrazione eporediese langue, da qualche tempo è già iniziata una sotterranea campagna elettorale che culminerà nella primavera del 2023 con le elezioni per il nuovo Sindaco della città di Ivrea. Purtroppo come accade spesso, per chi non conosce il funzionamento della Pubblica Amministrazione, i primi mesi dall’insediamento di un nuovo Consiglio Comunale vengono impegnati per conoscere la situazione mentre negli ultimi, per ciò che riguarda il governo della città, si tirano i remi in barca concentrandosi sulle eventuali ricandidature. In questa consiliatura, dove c’è stato pure l’intervallo del Covid, di fatto il dibattito politico pubblico si è ridotto a un paio di anni su cinque.

Molti lettori avranno sentito parlare almeno una volta negli ultimi due anni della questione Movicentro. Parliamo di un edificio costruito nei pressi della stazione ferroviaria lato area ex Montefibre in due lotti con soldi pubblici, tra cui quelli della Città di Ivrea. Il primo lotto collaudato il 29.12.2004 e il secondo il 13.03.2008.

Stiamo assistendo ad una campagna elettorale paradossale e per certi versi tragicomica. Per la prima volta ci saranno elezioni politiche a settembre e anche questo la dice lunga sulla situazione drammatica che il nostro Paese sta vivendo seppur agevolato, in peggio, da un quadro internazionale molto più che preoccupante.

La navigazione a vista o, per dirlo in altri termini, la mancanza di visione e di programmazione dell’attuale Amministrazione sono stati una costante nel governo della città nei quattro anni e mezzo fin qui trascorsi. Abbiamo evidenziato, fin dall’inizio del mandato nel 2018, questa problematica nella speranza che i nuovi arrivati, dopo un breve periodo di apprendimento, avrebbero saputo mettere in atto quel “cambiamento” promesso con enfasi in campagna elettorale.

Nell’ultimo Consiglio Comunale di ieri, primo agosto, è stata portata in discussione l’ennesima Variazione di Bilancio. Tra le voci “curiose” c’è una diminuzione delle “iniziative per i giovani” pari a 15.000 euro per compensare una maggior spesa imprevista.

Il drammatico distacco di un enorme pezzo del ghiacciaio della Marmolada, che ha causato la morte di 11 persone, è l’ennesimo grido di allarme che la natura, la montagna in questo caso, lancia a un’umanità indifferente, anestetizzata di fronte allo stupro continuo e costante che da decenni l’uomo sta mettendo irresponsabilmente in atto nei confronti dell’ambiente naturale.

Crescono in città consapevolezza e preoccupazione per il devastante progetto di elettrificazione che interessa il tunnel ferroviario sul Lungo Dora. Progetto descritto, unitamente alla valutazione di realistiche e non impattanti alternative, in precedente intervento.

Facciamo da queste righe i complimenti all’Assessora con delega alla cultura, commercio e turismo Casali, quando ci vuole ci vuole, per essere riuscita, nonostante una Giunta piuttosto tiepida sull’argomento, a portare ad Ivrea il titolo di Capitale italiana del Libro. Valutiamo anche positivamente gli eventi che hanno cominciato ad animare e animeranno la città nel prossimo futuro a partire dalla gioiosa parata, concepita dall’eclettico eporediese Cosmo, che ha di fatto aperto le danze. L’idea di unire agli incontri più istituzionali e formali un momento di festa pop certamente apprezzata dai giovani depone anch’essa a favore delle iniziative messe in campo dall’Assessora, nominata solo nel marzo del 2020 anche a seguito della revoca della carica da parte del Sindaco dell’allora vice-Sindaca Ballurio.

Alle votazioni del 12 giugno l’affluenza alle urne è stata pari al 54,72% per quanto riguarda le elezioni comunali e al 20,8 % per i 5 quesiti referendari.

Nel Programma commerciale 2021 di RFI si legge "La linea Chivasso - Ivrea risulta tra le più critiche per la presenza di numerosi passaggi a livello. Gli interventi saranno finalizzati in particolare al miglioramento della regolarità dei servizi e all'eliminazione dei passaggi a livello più critici" (p. 315). Che la tratta sia “tra le più critiche” è realtà evidente. Che la pur necessaria eliminazione dei passaggi a livello sia misura sufficiente a restituire funzionalità alla linea è tesi insostenibile.

Pagina 1 di 20

Ricevi la newsletter

Approfondimenti

Viviamo Ivrea autofinanzia totalmente le proprie iniziative
Puoi contribuire in contanti alle riunioni,
oppure effettuando un bonifico
sul c.c. intestato all’Associazione ViviamoIvrea
Banca Popolare Etica:
IBAN: IT44 W035 9901 8990 5018 8523 405
o in alternativa puoi utilizzare PayPal, cliccando sul link qui sotto.

paypall

In Comune